Tritarifiuti da lavandino Insinkerator, come funziona e quale modello scegliere?

Homepage / Blog / Novità / Tritarifiuti da lavandino Insinkerator, come funziona e quale modello scegliere?
Categoria: Novità
23 marzo 0 commenti
Insinkerator viene direttamente dall'America, ma in Italia è ancora poco diffuso. È il tritarifiuti da lavandino, l’oggetto che risolve il problema dei rifiuti organici.

Tritarifiuti da lavandino, conosciamolo meglio

La nascita del tritarifiuti da lavandino è attribuibile all’ingegnoso architetto americano John W. Hammes che, nel 1927, progettò il primo prototipo di quello che sarebbe diventato un dissipatore di rifiuti.

Per molti anni il tritarifiuti da lavandino è stato illegale per paura che potesse inquinare la rete idrica e fognaria delle città. Tuttavia, si è poi dimostrato l’inattendibilità delle paure iniziali. 

Da qui, la sua vendita non ha conosciuto battute di arresto. Oggi è infatti presente in circa il 50% delle famiglie americane. In Italia, il tritarifiuti da lavandino noto anche come dissipatore di rifiuti alimentari (DRA) sta vivendo ora il suo momento di massima diffusione. Chi ha la fortuna di scoprirlo, ne diventa infatti portavoce consigliandolo ad amici e parenti proprio per la sua utilità e semplicità d’uso.

Come funziona il tritarifiuti da lavandino

Installato al di sotto del lavandino stesso e collegato alla sua bocca di scarico, il tritarifiuti da lavandino ha un funzionamento davvero semplice ed immediato.

È sufficiente, infatti, porre i rifiuti organici all’interno del lavello e schiacciare il pulsante che ne attiva il meccanismo. Il tritarifiuti a questo punto sminuzza i rifiuti organici e forma una specie di poltiglia molto liquida che viene poi trasportata dal dissipatore alle tubature. Tutti i modelli di Insinkerator funzionano grazie a martelletti capaci di schiacciare gli scarti alimentari. A differenza delle lame, l’utilizzo dei martelletti è di per sé più sicuro e non richiede manutenzione.

Ovviamente però non tutto può essere "dissipato". Da escludere assolutamente sono le ossa grandi, così come i noccioli della frutta. È invece possibile dissipare bucce di banana, vegetali fibrosi e filamentosi come i carciofi e il finocchio, a patto che questi vengano prima tagliati in piccole parti. 

I veri vantaggi del dissipatore di rifiuti alimentari

Comodissimo, ad esempio, per sbucciare frutta e verdura o per svuotare gli avanzi dei piatti direttamente nel lavello, il tritarifiuti da lavandino ha molteplici vantaggi:

  • Non occupa lo spazio solitamente destinato al cestello dell’umido
  • Cancella il problema dei cattivi odori 
  • Elimina i costi d’acquisto dei sacchetti biodegradabili

Per l'ambiente, i vantaggi sono ancora più importanti. 

Lo sapevi, ad esempio, che i rifiuti organici producono gas metano notoriamente danno per l'ambiente?

Con il dissipatore da lavandino, invece, risolvi il problema delle emissioni di CO2 e contribuisci a svuotare del 20% gli spazi delle ormai pienissime discariche.

Tritarifiuti da lavandino, quale scegliere?

Tritarifiuti da lavandino Insinkerator, come funziona e quale modello scegliere?

La scelta ovviamente dipende molto dalle esigenze personali. 

I modelli di Insinkerator ISE 46, Insinkerator ISE 56 e Insinkerator ISE 66 sono consigliabili per un classico uso domestico. 

Questi prodotti sono ideali per la convenienza di prezzo, unita ad una buona qualità. Sono infatti in grado di smaltire una grande varietà di scarti alimentari offrendo, al contempo, delle ottime prestazioni in termini di sminuzzamento. 

In particolare, l’Insinkerator ISE 66 è perfetto per chi cerca una soluzione a metà strada tra la convenienza economica dei dissipatori domestici entry level e le prestazioni di quelli professionali. 

Una famiglia che ha bisogno di smaltire molti rifiuti organici, invece, dovrà optare per un modello più efficiente.

Una buona soluzione è il dissipatore Insinkerator Evolution 100 che ha una tecnologia di dissipazione a due stadi, un design compatto ed è il 40% in meno più silenzioso rispetto ai modelli standard. 

Il top di gamma, infine, è il dissipatore Insinkerator Evolution 200. Questo modello ha un sistema dotato di una tecnologia a tre stadi in grado di dissipare qualsiasi rifiuto organico. È il modello più silenzioso della gamma (-60% di rumore rispetto ai modelli standard). L'Evolution 200 comprende tra i suoi accessori anche un tappo particolare per evitare che le posate possano finire nel tritarifiuti.

Con i modelli Insinkerator ISE 66, Evolution 200 e 100 è anche possibile sminuzzare tipologie di ossa facilmente frantumabili come quelle di tacchino e pollo. 

Tutti i prodotti acquistati su Pentole Professionali hanno garanzia di due anni.

Lascia un commento..
Iscriviti alla newsletter
per non perdere notizie e codici sconto